ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

30 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 01:49 GMT+1



17 settembre 2020

La federazione spagnola dei trasporti denuncia pratiche di telelavoro illegali

Società latinoamericane offrono lavoratori locali alle aziende spagnole

Tra gli effetti della pandemia di Covid-19 sull'economia c'è stato quello in molte nazioni colpite dalla crisi sanitaria di accelerare esponenzialmente il ricorso allo smart working nelle sue varie forme, tra cui quella del telelavoro. Se in molti casi questo strumento, utilizzato per evitare la compresenza di un numero eccessivo di persone nei luoghi di lavoro che avrebbe aumentato la possibilità di contagio, si è rivelato efficace sia per affrontare l'emergenza che per razionalizzare le attività lavorative, c'è stato anche almeno un risvolto negativo. Quello denunciato da Fenadismer, la federazione nazionale spagnola delle associazioni del settore del trasporto.

Fenadismer ha reso noto di aver scoperto l'esistenza di società con sede in America Latina che offrono la possibilità di assumere lavoratori situati nelle nazioni sudamericane per farli lavorare attraverso il telelavoro in Spagna, lavoratori assunti sulla base delle condizioni salariali dei paesi in cui si trovano e che prevedono - ha evidenziato la federazione - retribuzioni sino al 60% inferiori a quelle percepite in Spagna.

L'offerta di telelavoratori latinoamericani - ha specificato Fenadismer - prevede l'assunzione di tecnici amministrativi per un salario mensile di soli 379 euro, di tecnici specializzati per 499 euro e di programmatori senior per soli 799 euro al mese. A ciò - ha rilevato la federazione spagnola del settore dei trasporti - si aggiunge la vantaggiosa proposta, per le aziende spagnole, di far lavorare questo personale dal lunedì al venerdì nell'orario di lavoro spagnolo anche se corrisponde alle ore notturne in America Latina.

Fenadismer ha quindi esortato le autorità governative a fermare questa pratica includendo nel decreto-legge per la regolamentazione del telelavoro in Spagna che il governo di Madrid sta negoziando con le parti sociali un'apposita norma che impedisca lo svolgimento di tale pratica prevedendo pesanti sanzioni economiche. Inoltre la federazione ha invitato anche l'Ispettorato del Lavoro a promuovere un piano d'azione specifico per l'eliminazione di questa pratica che - ha sottolineato Fenadismer - costituisce una brutale forma di concorrenza sleale che comporta una vera e propria distruzione dell'occupazione, assolutamente nociva soprattutto in considerazione degli attuali livelli di disoccupazione in Spagna causati dalla crisi sanitaria.

PSA Genova Pra'

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail