inforMARE Fun Magazine
   24 giugno 2018 12.45 GMT+2   




29 aprile 2009

Nel porto di Seattle è stato inaugurato il nuovo Smith Cove Cruise Terminal

È dotato di un sistema di cold ironing che può fornire energia elettrica da terra contemporaneamente a due navi

Venerdì scorso nel porto di Seattle è stata avviata la stagione crocieristica 2009 ed è stato inaugurato il nuovo terminal crociere Smith Cove Cruise Terminal, al quale è approdata la Amsterdam della Holland America Line.

Si tratta di un terminal a basso impatto ambientale. «Siamo orgogliosi - ha dichiarato l'amministratore della Port of Seattle, Tay Yoshitani - di inaugurare il solo terminal crocieristico al mondo che può fornire energia da terra a due navi alla volta». Un accordo tra la Port Authority di Seattle e le compagnie crocieristiche prevede che le navi che utilizzano lo scalo americano quale homeport debbano allacciarsi alla rete elettrica terrestre mentre sono all'ormeggio, con il sistema detto di “cold ironing”, oppure usino combustibile a basso tenore di zolfo.

Il nuovo terminal, che ha due banchine di 366 metri lineari, è costato 72 milioni di dollari, e verrà utilizzato da Holland America Line, Princess Cruises e Royal Caribbean. Lo Smith Cove Cruise Terminal ospita le attività crocieristiche che in precedenza erano svolte temporaneamente al Terminal 30, che ora è stato nuovamente destinato al traffico containerizzato.

Quest'anno a Seattle sono attesi gli arrivi di 211 navi da crociera per un traffico previsto di 801mila passeggeri rispetto agli arrivi di 210 navi per complessivi 886mila passeggeri totalizzati nel 2008.







Cerca altre notizie su


seleziona la rubrica
Tutte    
Notizie
Traghetti
Crociere
Guide
Luoghi
Aerei


seleziona la rubrica
Tutte    
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto


 
 Indice   
Prima pagina
Indice notizie



Supplemento di turismo, arte e cultura di
Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore