inforMARE Fun Magazine
   27 maggio 2018 05.33 GMT+2   




26 settembre 2001

La minaccia di guerra compromette l'attività crocieristica nel Mediterraneo orientale

In pericolo anche le rotte commerciali che transitano per il canale di Suez

Secondo il ministro cipriota delle Comunicazioni e dei Lavori pubblici, Averoff Neophytou, l'ormai prossimo attacco che verrà condotto dagli Stati Uniti contro le basi terroristiche in Afghanistan comporterà ulteriori effetti negativi sull'attività delle compagnie crocieristiche.
Neophytou, partecipando alla Maritime Cyprus Conference, che si chiude oggi a Limassol, ha detto che l'acuirsi della tensione internazionale ha già comportato alcune prime ripercussioni sull'attività crocieristica che si svolge nel Mediterraneo orientale, compromettendo in particolare i programmi delle compagnie che collegano Cipro con Israele ed Egitto.

La minaccia riguarda però anche le flotte mercantili, con un aggravio dei costi di trasporto determinato soprattutto dall'applicazione del soprannolo per rischio di guerra che le compagnie di navigazione e i gruppi armatoriali si appresterebbero ad applicare sui servizi che collegano l'Asia con l'Europa attraverso il canale di Suez. L'ammontare del soprannolo non è però ancora stato definito. Il braccio di ferro tra gli armamenti che operano su queste rotte e i gruppi assicurativi è ancora in corso. Ma l'esito dei negoziati è scontato: le compagnie assicurative avranno la meglio non appena la minaccia di un attacco USA ai terroristi in realtà.






Cerca altre notizie su


seleziona la rubrica
Tutte    
Notizie
Traghetti
Crociere
Guide
Luoghi
Aerei


seleziona la rubrica
Tutte    
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto


 
 Indice   
Prima pagina
Indice notizie



Supplemento di turismo, arte e cultura di
Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore