inforMARE Fun Magazine
   25 febbraio 2018 10.27 GMT+1   




21 aprile 2000

Il Senato dell'Alaska ha approvato l'introduzione di un'imposta a carico delle compagnie crocieristiche

E' pari a 50 dollari per passeggero. Il provvedimento è ora all'esame della Camera

Il Senato dell'Alaska ha approvato l'applicazione di un'imposta a carico delle compagnie crocieristiche, pari a 50 dollari per ogni passeggero a bordo delle navi che effettuano crociere nelle acque dello Stato americano. Ora il provvedimento, che mira a porre un controllo sulla crescente attività crocieristica in Alaska e a costituire un fondo per il risanamento ambientale, è all'esame della Camera. Nel 1999 sono stati 600.000 i passeggeri trasportati dalle navi da crociera nelle acque dell'Alaska, oltre il doppio del numero registrato dieci anni fa.

I fautori dell'iniziativa sostengono che la nuova imposta accoglie le istanze delle comunità locali. Alcune amministrazioni hanno infatti iniziato a introdurre tasse a carico dei crocieristi: il primo caso risale a sei mesi fa, quando a Juneau è stato deciso di applicare una tassa di 5 dollari su ciascun passeggero. La nuova imposta statale, che non graverebbe sulle piccole navi da crociera, dovrebbe pertanto sostituire quelle introdotte dalle singole comunità locali.







Le pagine saranno aperte in una nuova finestra del browser




Cerca altre notizie su


seleziona la rubrica
Tutte    
Notizie
Traghetti
Crociere
Guide
Luoghi
Aerei


seleziona la rubrica
Tutte    
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto


 
 Indice   
Prima pagina
Indice notizie



Supplemento di turismo, arte e cultura di
Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore