inforMARE Fun Magazine
   27 maggio 2018 05.35 GMT+2   




5 marzo 1999

Previsti quest'anno 2,3 milioni di crocieristi nel Mediterraneo

Uno studio della Cemar Agency Network verrà presentato alla Seatrade Cruise Shipping Convention di Miami

Il 1998 è stato l'anno che ha segnato per l'Italia un primato nel settore dei viaggi crociera, sia per numero di viaggi che per passeggeri trasportati. Il richiamo del Mediterraneo ha fatto evidentemente presa sia sugli uffici marketing delle compagnie di navigazione che sulla domanda da parte dei crocieristi. E grandi compagnie di navigazione precedentemente orientati su scali in porti di altre zone geografiche hanno scelto porti mediterranei quali mete preferenziali. Le statistiche riportano un traffico crocieristico di 2.141.671 passeggeri (+9,55% rispetto al 1997) con un totale di 2.747 scali (+6,43%).

Le previsioni per quest'anno sono favorevoli, anche se il numero di scali (2.546) presenta una flessione del 7,31% rispetto all'anno scorso, per l'aumentata portata delle navi crociera in Mediterraneo, ma il numero dei crocieristi previsti sarà di 2.299.050, con un incremento del 7,34%.

Quest'anno saranno per la prima volta insieme nel Mediterraneo le due grandi navi della Holland America Line del gruppo Carnival Maasdam e Rotterdam. Tornerà la Celebrity Cruises con la Century e vi sarà l'inserimento con itinerario regolare della Sunbird della Airtours Sun Cruises. Arriveranno la Mistral ammiraglia della Festival Cruise e la Bolero con il marchio First Choice. Saranno inoltre in Mediterraneo per la prima volta la Clipper Adventurer, la Regina Kristina e la Seven Seas Navigator, nuova costruzione della Radisson Seven Seas.

Uno studio sul mercato crocieristico nel Mediterraneo, che verrà presentato dal presidente della Cemar Agency Network, Sergio Senesi, durante la Seatrade Cruise Shipping Convention di Miami in programma dal 9 al 12 marzo, rivela quale sarà l'andamento del mercato crocieristico nel 1999. Le previsioni indicano che non vi saranno cambiamenti rispetto alla classifica 1998 delle destinazioni: Civitavecchia rimarrà al primo posto, in virtù anche del Giubileo, con 364 scali, mentre sarà al quarto posto come numero di passeggeri (300.300). Il maggior numero di crocieristi sarà registrato nel porto di Genova, con 375.510 su 252 navi, seguito da quello di Venezia con 360.650 crocieristi su 238 navi. Al terzo posto il porto di Napoli con 326.900 passeggeri su 309 navi (Napoli risulterà al primo posto come numero di passeggeri in transito, che saranno 281.800), seguita da Livorno con 213.350 crocieristi su 252 navi.


N.Porto N.Pax
1999
Previsione
N. Navi
1999
Previsione
98-99
diff.
pax.
98-99
diff.
navi
1Genova375.510 25232,1415,07
2Venezia360.650 23825,1912,80
3Napoli326.987 3098,11-6,08
4Civitavecchia300.277 36417,320,00
5Livorno213.342 25210,47-10,32
6Messina124.950 12810,201,59
7Bari100.350 71-16,74-6,58
8Palermo92.460 756,280,00
9Savona82.272 52-19,93-24,64
10Sorrento44.150 10566,5229,63
11Portofino33.320 139-0,300,72
12Olbia31.250 3681,96125,00
13Catania31.050 40-34,90-34,43
14Capri29.665 571,64-25,97
15Portoferraio24.650 72-46,32-28,71
16Cagliari23.600 29138,7538,10
17Porto Torres22.700 24-15,61-7,69
18G. Naxos20.465 72-0,7816,13
19Salerno13.685 1951,15-42,42
20Portovenere7.280 23-41,52-58,93
21Portocervo5.450 37-17,03-13,95
22Viareggio5.330 40182,46566,67
23Lipari4.450 18-6,73-55,00
24Siracusa4.020 137,8018,18
25S. Margherita3.000 2-12,74-71,43
26Alghero2.970 9-62,220,00
27P. Empedocle1.950 9105,26125,00
28La Spezia1.800 2-61,95-33,33
29Ancona1.720 70,000,00
30Ravenna955 8-57,93-11,11
Altri porti8.798 44
2.299.056 2.546



Le pagine saranno aperte in una nuova finestra del browser




Cerca altre notizie su


seleziona la rubrica
Tutte    
Notizie
Traghetti
Crociere
Guide
Luoghi
Aerei


seleziona la rubrica
Tutte    
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto


 
 Indice   
Prima pagina
Indice notizie



Supplemento di turismo, arte e cultura di
Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore